GUAI a chi me lo toglie! Recensione fitbit charge 2

Sono sempre più convinto che un buon dispositivo wearable non sia solo un buon hardware inteso come funzioni, design e materiali, ma sia la somma tra questo hardware e la parte software, che ha il difficile compito di tradurre le informazioni dei sensori e trasformarli in dati utili e semplici da consultare per l’utente, limitando al massimo il suo intervento. Ecco la differenza tra fitness tracker qualsiasi e un ottimo fitness tracker sta tutta qua secondo me, nel software.

Già ma il fitbit charge 2 è molto di più e appena tirato fuori dalla bella confezione basta prenderlo in mano per capire che è davvero ben realizzato, con una scocca in alluminio, un display total black e un cinturino in silicone si raccorda perfettamente al profilo. Nel complesso è design che funziona, anche se le dimensioni non sono certo compatte e soprattutto lo spessore si vede e si sente, soprattutto se avete un polso piccolo, complice anche il voluminoso sensore cardiaco nella parte inferiore.

Però devo dire è piuttosto comodo da tenere al polso di giorno e anche di notte di notte, il cinturino è di ottima qualità e sebbene sia in silicone non fa attrito sui vestiti e fortunatamente nemmeno sui peli del braccio. Peraltro è un cinturino di dimensioni standard da orologio per intenderci e la cosa bella è che può essere sostituito in un attimo  con uno dei tanti in catalogo, magari di un’altro colore o perché no anche in pelle, visto che questo è un’accessorio che va indossato tutti i giorni e tutto il giorno e quindi può aver senso cambiare look in base alle occasioni!

Del resto l’ampio display fa quasi pensare di trovarsi di fronte ad uno smartwatch e sì direi che in parte lo è. Display oled monocolore, che si vede alla grande anche all’aperto e sotto il sole, display che è ijn grado di fornire numerose informazioni, peraltro dall’applicazione si possono cambiare anche i quadranti scegliendo così quali informazioni avere subito a colpo d’occhio. Vi parlavo di smartwatch, perché il fitbit charge 2 mostra anche le notifiche dello smartphone e mentre vibra mostra la persona che sta chiamando, il mittente del messaggio e anche il suo contenuto, nonché appuntamenti da calendario. Naturalmente non è possibile interagire, per quello serve lo smartphone, ma è una funzione comoda per capire ad esempio mentre si fa sport se vale la penna rispondere o meno alla chiamata in arrivo. Display che peraltro reagisce al tocco e questo insieme il tasto fisico è uno dei veri valori aggiunti del fitbit charge 2.

In effetti la combinazione di interazione tra il tasto fisico e il tap sullo schermo permette di navigare all’interno delle funzioni in maniera semplice e veloce e finora è il miglior sistema che abbia mai trovato su un wearable e mi ha permesso in numerose occasioni di evitare di entrare all’interno dell’app dello smartphone. Sembra una cosa da poco eppure sono questi dettagli che alzano il livello dell’esperienza di utilizzo e di conseguenza della soddisfazione. Ma la sua funzione principale e quella del monitoraggio dell’attività fisica e del sonno, compito che il fitbit charge 2 svolge molto bene.

Grazie anche all’ausilio del monitoraggio continuo del battito cardiaco, utile a comprendere meglio quando chi lo indossa sta effettuando un’attività intensa oppure ha bisogno di un attimo di relax perché è stato sottoposto ad uno stress. A proposito, proprio come su Apple watch anche sul fitbit charge 2 è possibile fare la respirazione guidata per riprendersi un attimo. Ma tutto ciò non sarebbe nulla di speciale senza l’ausilio dell’app di Fitbit, la migliore applicazione per wearable che abbia mai provato.

Lo dico perché l’app è davvero completa, molto più ricca di qualsiasi altra e quindi oltre a offrire tutta la classica sezione relativa al monitoraggio offre molte altre funzioni. Tutti i dati sono poi facilmente consultabili, grazie ad una grafica piacevole e semplice, con menù e pagine con una navigazione piuttosto intuitiva, insomma tutto è a portata di mano nonostante la quantità di dati consultabili sia notevole. Come vi dicevo sono molte le funzioni che Fitbit ha aggiunto alla sua app, come ad esempio le sfide o le avventure che rendono tutto più divertente, io ad esempio ho provato a simulare una mini maratona di NYC, che consiste in un’attività da 5000 passi che ti porta attraverso alcune tappe che una volta raggiunte mostrano dei luoghi reali della Grande Mela attraverso la mappa in 3D e foto panoramiche.

Vi confesso che mi sono divertito e poi l’app prova in molti modi a motivarti, con le sfide tra amici, i consigli personalizzati e la possibilità di collezionare medaglie al raggiungimento degli obiettivi prefissati.Chi lo volesse può inoltre aggiungere la parte alimentare monitorando l’apporto calorico degli alimenti consumati, sia manualmente che fotografando i codice a barre, oppure tenere sotto controllo l’idratazione, volendo anche con avvisi personalizzati. Ed è proprio questo come vi dicevo in apertura che alza molto il livello di questo fitness tracker. Un’esperienza che permette all’utente di disinteressarsi delle impostazioni e dedicarsi semplicemente alla sua vita. Ciò non vuol dire che non ci sia la possibilità di monitorare in maniera più specifica l’attività come ad esempio una corsa, ma in questo caso facendola partire manualmente è possibile utilizzare anche il gps dello smartphone, con conseguente migliore misurazione delle distanze percorse e registrazione su mappa di tutti i percorsi effettuati. Ah e non vi ho ancora detto che si può consultare il proprio diario anche da interfaccia web.

  • Product
  • Features
  • Photos

Fitbit Charge 2 Braccialetto Monitoraggio Battito Cardiaco e Attività Fisica, Corpo in...

Generalmente spedito in 24 ore & Free shipping
Last update was in: novembre 17, 2018 8:52 am

128,81 159,99

ACQUISTA
amazon.it

Certo non è tutto oro quello che luccica e nemmeno il fitbit charge 2 è perfetto. In particolare ho notato una certa tendenza a sovrastimare i passi, ma soprattutto sebbene le attività disponibili siano molte, mancano quelle legate all’acqua, già perché il fitbit charge 2 è solamente resistente all’acqua e al sudore, perciò ok la doccia, am non è possibile portarlo in vasca ed è un po’ un peccato. Chiudo però con una nota positiva, rappresentata indubbiamente dalla batteria che dura tranquillamente 5 giorni e considerato il numero delle funzioni disponibili, delle notifiche e della presenza di un display, beh direi che non è niente male.

8.7 Total Score

Insomma per concludere a me il fitbit charge 2 è piaciuto tantissimo e capisco perché Fitbit sia leader nel mercato dei wearable. E' uin prodotto ben fatto che può avvalersi di un software molto completo e user friendly. Certo non è il prodotto per gli sportivi che fanno attività intensa o preparazioni specifiche, il gps non è integrato, la misurazione a polso non è precisa come quella a fascia e per i nuotatori manca l'impermeabilità, ma per tutti gli altri quelli che desiderano un fitness tracker che faccia anche da orologio smart, io lo straconsiglio, anche perché il costo sebbene sopra la media e sicuramente giustificato dalle sue qualità.

Qualita dei materiali
8.5
Estetica
8.5
Funzionalità
9.5
Componente software
9.5
Rapporto qualità/prezzo
7.5
PROS
  • Parte software, qualità dei materiali, facilità di utilizzo, autonomia della batteria, display, cinturini intercambiabili
CONS
  • Non è impermeabile, prezzo.
Add your review  |  Read reviews and comments

Possibili alternative:

  • Travis Rice

    Ciao Manuel, ho provato vari fitbit, Misfit e l’apple Watch. Su tutti ho rilevato lo stesso problema, non riescono ad escludere i movimenti delle mani quando il corpo resta fermo. Se in molti casi questo limite è accettabile, non lo è quando i movimenti delle mani sono energici e continui. Perfino Apple Watch con il sensore cardiaco non riesce a capire che non stiamo facendo uno sforzo sostenuto. Azioni come fare la doccia, lavare le patate, spazzolare il cane ecc fanno segnare attività relativamente intense di 2000 passi l’una, mentre in realtà non mi sono mosso di un metro. Se ci pensi questo è assurdo e secondo me vanifica il senso di questi prodotti. È anche vero che si possono eliminare le sessioni contate per errore ma questo non cambia nulla.

    • Manuel Agostini

      Concordo, in effetti pare che non abbiano ancora trovato un algoritmo che riesca a comprendere quando il braccio si muove per l’attività oppure per movimenti normali. Ma ci arriveranno, considera che sono prodotti ancora abbastanza giovani dal punto di vista dello sviluppo.

      • Travis Rice

        Grazie della risposta, almeno posso mettermi il cuore in pace se anche tu riconosci questo limite. ciao

        • Manuel Agostini

          Ciao.

Manuel Agostini
Login/Register access is temporary disabled