Recensione OnePlus 6T

E se vi dicessi che se nella mia vita quotidiana usassi Android beh probabilmente il mio telefono sarebbe proprio un Oneplus 6T?

Se vi ho fatto questa premessa è perché il discorso è abbastanza semplice, infatti in occasione del video su oneplus 6 dissi che sarei passato a lui come mio dispositivo Android per quest’anno e considerato che il 6t conserva quanto di buono aveva il 6 migliorando parecchi alcuni aspetti di cui vi parlerò, beh direi che la natura ha fatto il suo corso nel senso che ora sarà proprio il 6T ad accompagnarmi per i prossimi mesi. Un 6T che sul retro appare molto simile al suo predecessore se non fosse che ora ha perso il sensore di impronte posteriore che a mio parere non stonava assolutamente a livello estetico anche se personalmente continuo a ritenere che il sensore posteriore non sia poi così comodo. Per il resto la backcover in vetro con questa finitura opaca pensavo potesse non piacermi ma una volta vista dal vivo e soprattutto toccata con mano mi sono ricreduto è una finitura interessante soprattutto per come riesce a riflettere la luce in alcune angolazione anche se onestamente resta sempre e comunque un retro con poca personalità quanto meno mi piacerebbe poter scegliere almeno una colorazione più aggressiva come hanno fatto altri produttori quest’anno.

Carattere che però ora troviamo sul frontale perché adottando questa goccia la posto del notch Oneplus ha reso il 6T immediatamente riconoscibile tra i tanti oltre che a mio parere significativamente più armonioso sia diminuendo il bordo inferiore sia dando una curvatura dolce introno alla fotocamera, guardate inoltre come ad esempio ci sia più spazio per le icone di notifica e nel complesso restituisce un impatto visivo estremamente più gradevole rispetto al vecchio modello dal quale eredita comunque lo stesso display ora leggermente più grande, 6,41″ un display amoled che continua a essere di qualità molto buona, direi godibile in ogni occasione proprio come il precedente, display che grazie alla possibilità di calibrazione io ho voluto più caldo per portarlo vicino a quello che è il mio personale benchmark di riferimento cioè il display di iPhone XS.

Display che ora nasconde sotto di sè una delle novità del 6T cioè il sensore d’impronte che in realtà è una sorta di fotocamera che che legge l’impronta digitale, naturalmente sto semplificando ma il concetto è quello ed è importante saperlo che nonostante sia abbastanza comodo simpatico anche da vedere grazie all’animazione che peraltro si può anche andare a modificare nelle impostazioni, beh ecco è una tecnologia che ancora non ha le prestazioni in termini di velocità del classico sensore, anche se magari è solo una mia sensazione però ho notato che più lo si usa e più veloce diventa almeno rispetto a quando l’ho utilizzato le prime, chissà magari è solo questione di abitudine, ad ogni modo è sempre presente il riconoscimento facciale che aiuta laddove ci fossero delle difficoltà. Un 6T che in mano si tiene bene in mano nonostante sia leggermente più grande del precedente, abbastanza agevole da maneggiare anche se vi consiglio di utilizzare al over, almeno quella in dotazione se proprio non volete acquistare una delle solite belle cover ufficiali di Oneplus che io adoro per quanto sono fatte bene. Il design come vi dicevo è simile al 6T, per fortuna rimane sempre lo switch meccanico per silenziare il telefono che io renderei obbligatorio per legge ma vorrei farvi notare la raffinata  soluzione stilistica scelta per occultare la capsula auricolare che si trova proprio a file del cornice, davvero pregevole, peccato solo che sia sparito il led di notifica, anche se onestamente si possono sempre vedere tramite ambient display.

Considerato che l’hardware è lo stesso del 6 è difficile aggiungere molto a quello che già vi dissi nel precedente video, le prestazioni sono superlative in ogni ambito di utilizzo anche nel gaming dove giocare al massimo della qualità con giochi graficamente impegnativi non è un problema per il 6t come del resto non lo era per il 6. E allora vorrei soffermarmi un’attimo di più sul software l’oxygen 9.0.5 che migliora ogni volta ed è ottimizzato in maniera splendida per far girare questo 6t con una fluidità e una reattività fuori dal comune, animazioni secche e fulminee proprio come piace a me, un’esperienza davvero al top nulla da dire si possono fare solo i complimenti a Oneplus capace di lavorare come si dovrebbe fare sul proprio software, rendendolo piacevole da utilizzare e perché non con qualche chicca come lo spazio nascosto per le applicazioni che magari non vogliamo far vedere al resto del mondo, o le gesture a schermo e tante tante possibilità di personalizzazione tra i menu di impostazione che comunque sebbene numerosi sanno essere piuttosto facili da navigare e comprendere.

Certo il 6T non è perfetto e permangono alcune mancanze che gia aveva il 6, e chi ci ricordano che non è e peraltro non costa come un top di gamma e parlo della resistenza all’acqua, della mancanza della ricarica wireless e dell’audio stereo e a proposito è sparito il jack audio perciò gli affezionati dovranno farsene una ragione. Capitolo fotocamera, qui le cose da dire non sono molte nel senso che l’hardware rimane lo stesso e ci sono stati solo dei miglioramenti software che io con il mio occhio non ho notato per quello riguarda le foto con buona luminosità, erano molto buone sul 6 e sono molto buone anche sul 6T, ma devo dire che è al calare della luce che si vedono miglioramenti significativi nella gestione e soprattutto nella cattura della luminosità dove vi posso dire che ad esempio durante questi scatti la luce a occhio nudo era inferiore rispetto al risultato finale che tutto sommato è buono sebbene non ancora al pari dei device top di gamma, forse manca qualcosa a livello di gestione dell’Hdr. Molto bene anche i video con stabilizzazione e capacità di arrivare fino in 4K a 60fps. 

529,00 579,00
2 new from 529,00€
18 used from 456,74€
Free shipping
Last update was in: settembre 18, 2019 12:02 am

Insomma qualche miglioramento c’è anche questa volta, certo non è il caso di cambiare dal 6 al 6t per le prestazioni alla fotocamera, ma forse può esserlo per le prestazioni della batteria che si migliorano sensibilmente e devo dire che non mi sono mai trovato a sera con la batteria scarica pur facendone un utilizzo intenso con 6 ore di display e poi non dimentichiamo che oneplus ha uno dei sitemi di ricarica più veloci, dunque basta una presa di corrente e pochi minuti per avere diverse ore di tranquillità aggiuntiva. Tutto ciò ad un prezzo tutto sommato accessibile soprattutto nella mia versione cioè quella con 8 giga di ram e 128 di memoria non espandibile ma che definirei la migliore scelta come qualità prezzo, che peraltro si può acquistare anche sui Amazon con tutti i vantaggi del caso.

Manuel Agostini
Login/Register access is temporary disabled